Presentazione macchine fablab

Self Improvement

fablab-torino
  • 1. Fablab ITALIA
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 2. COS’È UN FABLAB
    A Fab Lab (fabrication laboratory) is a small-scale workshop offering digital fabrication. It is generally equipped with an array of flexible computer controlled tools that cover several different length scales and various materials, with the aim to make "almost anything". This includes technology-enabled products generally perceived as limited to mass production.
    (Wikipedia.com)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 3. FabLab di Amsterdam
    Neil Gershenfeld, ideatore del concetto di FabLab
    Valentina Kofi e il suo primo circuito integrato
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 4. FABLAB ITALIA
    Foto dell’inaugurazione del Fablab Italia
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 5. MACCHINE
    PRESENTI
    Lasercut
    3D Printing
    Fresa 3 assi
    Makerbot (FDM)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 6. LASERCUT
    Il lasercut taglia bruciandovaporizzandosciogliendo il materiale che si vuole tagliare. La lente concentra il fascio laser che taglia, per proteggerla dai fumi di vaporazione si usa un getto di aria compressa o gas inerte.
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 7. TAGLIO
    Linea di taglio:
    Il risultato è pulito e preciso, lo spessore di taglio è di 3-5 decimi di mm.
    Si tagliano:
    • fino a 5 mm di plastica
  • 8. 6 di legno
  • 9. cartone
  • 10. gomma
  • 11. etc.Non si tagliano:
    • Policarbonato
  • 12. PVC
  • 13. Vetro
  • 14. Metalli
  • 15. Materiali troppo spessi anche se espansiTecnologie del Fablab Italia
  • 16. CENTRAGGI
    E INCASTRI
    Spesso è utile non tagliare il bordo perfettamente dritto, ma farlo scalinato, per avere centraggi e maggior superficie di incollaggio
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 17. ENGRAVING
    Parte asportata:
    Il laser passa a linee parallele e vaporizza un certo spessore di materiale
    Parte non lavorata:
    Il laser non passa su queste aree
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 18. CARATTERISTICHE
    • Tagli verticali
  • 19. Materiali piani
  • 20. Spessori limitati
  • 21. Materiali limitati (no vetro, no metalli, etc.)
  • 22. Plastiche non utilizzabili: PC e PVC
  • 23. Possibilità di Stampa
  • 24. Possibilità di EngravingTecnologie del Fablab Italia
  • 25. STAMPANTE
    3D
    Gli strati di polvere vengono agglomerati con un collante, a formare un oggetto tridimensionale.
    Il materiale non incollato funge da supporto per il pezzo
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 26. STAMPANTE
    3D
    Testina di stampa
    Vasca di stampa
    Vasca di carico
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 27. PROCESSO
    DI STAMPA
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 28. CARATTERISTICHE
    • Più pezzi prodotti contemporaneamente
  • 29. Realizzazione precisa (0,1mm)
  • 30. Qualsiasi sottosquadra- Delicato (no dettagli sotto i 2 mm)
    • Monomaterico (non trasparente)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 31. FRESATRICE
    3ASSI
    Mandrino (assi Y, Z)
    Fresa
    Piano (asse X)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 32. FRESE
    Sgrossatura (piatta)
    Finitura (sferica)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 33. FRESE
    Esistono diversi diametri e tipologie di punte
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 34. SGROSSATURA
    E FINITURA
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 35. 4° ASSE
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 36. RIBALTAMENTO
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 37. ENGRAVING
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 38. CARATTERISTICHE
    • Tanti lati quanti i ribaltamenti
  • 39. Molti materiali, meglio limitarsi ai materiali per modelli e legni
  • 40. Nessun sottosquadra
  • 41. Lento in fase di finitura
  • 42. Taglio/engravingTecnologie del Fablab Italia
  • 43. MAKERBOT
    Materiale in filo
    Extruder (asse Z)
    Piano (assi X, Y)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 44. MATERIALE
    DI SUPPORTO
    Per fare i sottosquadra viene usato un filo secondario che fa sa supporto alle parti a sbalzo. La makerbot NON ha materiale di supporto, bisogna progettare l’oggetto per renderlo stampabile senza
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 45. DIVERSI COLORI
    E MATERIALI
    Solo materiali plastici, quelli attualmente disponibili sono ABS e PLA.
    I colori dipendono dalla tipologia del filo, al momento sono disponibili:
    • Bianco (ABS)
  • 46. Verde (ABS)
  • 47. Rosso (ABS)
  • 48. Traslucido (PLA)Tecnologie del Fablab Italia
  • 49. DIVERSI COLORI
    E MATERIALI
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 50. SPESSORI MINIMI
    0,5 mm
    0,75 mm
    1mm
    1,25 mm
    1,5 mm
    1,75 mm
    2 mm
    2,25 mm
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 51. Sottosquadra leggeri
    Poco sporgenti
    Supportato e strutturato
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 52. Sottosquadra marcati
    Possibile fino a circa 45°
    Impossibile oltre i 45°
    Linea di giunzione dei layer
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 53. Semisfera stampata dal polo
    Semisfera stampata dall’equatore
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 54. ESEMPO: tavolo
    In questo esempio è possibile vedere alcuni tra i più comuni difetti ed errori di progettazione
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 55. Punti di attacco
    Punti di attacco deformati
    Punti di attacco distaccati
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 56. Piano di costruzione
    Piano per i punti di attacco, da maggior adesione quando i punti di attacco sono piccoli o molto delicati
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 57. Trascinamento
    Fili di trascinamento
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 58. Piano a sbalzo
    Piano a sbalzo
    Bordo di supporto
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 59. Distaccamenti
    Distaccamento di due strati successivi
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 60. Precisione
    Scritta: «Fablab Italia»
    La definizione richiesta era decisamente troppo alta, la macchina ha approssimato con un percorso unico
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 61. Risultato finale
    Corretto
    Scasso
    Scritta ingrandita
    Distaccamento risolto
    Trascinamento ridotto
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 62. Stampa
    upside-down
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 63. CARATTERISTICHE
    • Sottosquadra leggeri
  • 64. Diversi colori
  • 65. Finitura non liscia
  • 66. Spessori aperti tra i 1mm e i 2mm
  • 67. Limiti di dimensioni: 100x100x120mm
  • 68. Possibile fare «architravi» se supportate esternamente
  • 69. Non ha materiale di supportoTecnologie del Fablab Italia
  • 70. ESPORTAZIONE DEI FILES
    3D:
    • Stl Chiuso (non necessariamente a risoluzioni altissime)
    2D:
    • Dxf o Pdf
  • 71. Tutto deve essere convertito in tracciati chiusi non intersecanti (inclusi i testi e le maschere di ritaglio)
  • 72. Per le immagini usare jpgTecnologie del Fablab Italia
  • 73. Grazie a tutti!
    www.fablabitalia.it
    fablabitalia@gmail.com
    Tecnologie del Fablab Italia
    Please download to view
  • 42
    All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
    Description
    Text
    • 1. Fablab ITALIA
      Tecnologie del Fablab Italia
  • 2. COS’È UN FABLAB
    A Fab Lab (fabrication laboratory) is a small-scale workshop offering digital fabrication. It is generally equipped with an array of flexible computer controlled tools that cover several different length scales and various materials, with the aim to make "almost anything". This includes technology-enabled products generally perceived as limited to mass production.
    (Wikipedia.com)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 3. FabLab di Amsterdam
    Neil Gershenfeld, ideatore del concetto di FabLab
    Valentina Kofi e il suo primo circuito integrato
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 4. FABLAB ITALIA
    Foto dell’inaugurazione del Fablab Italia
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 5. MACCHINE
    PRESENTI
    Lasercut
    3D Printing
    Fresa 3 assi
    Makerbot (FDM)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 6. LASERCUT
    Il lasercut taglia bruciandovaporizzandosciogliendo il materiale che si vuole tagliare. La lente concentra il fascio laser che taglia, per proteggerla dai fumi di vaporazione si usa un getto di aria compressa o gas inerte.
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 7. TAGLIO
    Linea di taglio:
    Il risultato è pulito e preciso, lo spessore di taglio è di 3-5 decimi di mm.
    Si tagliano:
    • fino a 5 mm di plastica
  • 8. 6 di legno
  • 9. cartone
  • 10. gomma
  • 11. etc.Non si tagliano:
    • Policarbonato
  • 12. PVC
  • 13. Vetro
  • 14. Metalli
  • 15. Materiali troppo spessi anche se espansiTecnologie del Fablab Italia
  • 16. CENTRAGGI
    E INCASTRI
    Spesso è utile non tagliare il bordo perfettamente dritto, ma farlo scalinato, per avere centraggi e maggior superficie di incollaggio
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 17. ENGRAVING
    Parte asportata:
    Il laser passa a linee parallele e vaporizza un certo spessore di materiale
    Parte non lavorata:
    Il laser non passa su queste aree
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 18. CARATTERISTICHE
    • Tagli verticali
  • 19. Materiali piani
  • 20. Spessori limitati
  • 21. Materiali limitati (no vetro, no metalli, etc.)
  • 22. Plastiche non utilizzabili: PC e PVC
  • 23. Possibilità di Stampa
  • 24. Possibilità di EngravingTecnologie del Fablab Italia
  • 25. STAMPANTE
    3D
    Gli strati di polvere vengono agglomerati con un collante, a formare un oggetto tridimensionale.
    Il materiale non incollato funge da supporto per il pezzo
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 26. STAMPANTE
    3D
    Testina di stampa
    Vasca di stampa
    Vasca di carico
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 27. PROCESSO
    DI STAMPA
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 28. CARATTERISTICHE
    • Più pezzi prodotti contemporaneamente
  • 29. Realizzazione precisa (0,1mm)
  • 30. Qualsiasi sottosquadra- Delicato (no dettagli sotto i 2 mm)
    • Monomaterico (non trasparente)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 31. FRESATRICE
    3ASSI
    Mandrino (assi Y, Z)
    Fresa
    Piano (asse X)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 32. FRESE
    Sgrossatura (piatta)
    Finitura (sferica)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 33. FRESE
    Esistono diversi diametri e tipologie di punte
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 34. SGROSSATURA
    E FINITURA
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 35. 4° ASSE
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 36. RIBALTAMENTO
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 37. ENGRAVING
    Video nella slide successiva
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 38. CARATTERISTICHE
    • Tanti lati quanti i ribaltamenti
  • 39. Molti materiali, meglio limitarsi ai materiali per modelli e legni
  • 40. Nessun sottosquadra
  • 41. Lento in fase di finitura
  • 42. Taglio/engravingTecnologie del Fablab Italia
  • 43. MAKERBOT
    Materiale in filo
    Extruder (asse Z)
    Piano (assi X, Y)
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 44. MATERIALE
    DI SUPPORTO
    Per fare i sottosquadra viene usato un filo secondario che fa sa supporto alle parti a sbalzo. La makerbot NON ha materiale di supporto, bisogna progettare l’oggetto per renderlo stampabile senza
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 45. DIVERSI COLORI
    E MATERIALI
    Solo materiali plastici, quelli attualmente disponibili sono ABS e PLA.
    I colori dipendono dalla tipologia del filo, al momento sono disponibili:
    • Bianco (ABS)
  • 46. Verde (ABS)
  • 47. Rosso (ABS)
  • 48. Traslucido (PLA)Tecnologie del Fablab Italia
  • 49. DIVERSI COLORI
    E MATERIALI
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 50. SPESSORI MINIMI
    0,5 mm
    0,75 mm
    1mm
    1,25 mm
    1,5 mm
    1,75 mm
    2 mm
    2,25 mm
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 51. Sottosquadra leggeri
    Poco sporgenti
    Supportato e strutturato
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 52. Sottosquadra marcati
    Possibile fino a circa 45°
    Impossibile oltre i 45°
    Linea di giunzione dei layer
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 53. Semisfera stampata dal polo
    Semisfera stampata dall’equatore
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 54. ESEMPO: tavolo
    In questo esempio è possibile vedere alcuni tra i più comuni difetti ed errori di progettazione
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 55. Punti di attacco
    Punti di attacco deformati
    Punti di attacco distaccati
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 56. Piano di costruzione
    Piano per i punti di attacco, da maggior adesione quando i punti di attacco sono piccoli o molto delicati
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 57. Trascinamento
    Fili di trascinamento
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 58. Piano a sbalzo
    Piano a sbalzo
    Bordo di supporto
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 59. Distaccamenti
    Distaccamento di due strati successivi
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 60. Precisione
    Scritta: «Fablab Italia»
    La definizione richiesta era decisamente troppo alta, la macchina ha approssimato con un percorso unico
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 61. Risultato finale
    Corretto
    Scasso
    Scritta ingrandita
    Distaccamento risolto
    Trascinamento ridotto
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 62. Stampa
    upside-down
    Tecnologie del Fablab Italia
  • 63. CARATTERISTICHE
    • Sottosquadra leggeri
  • 64. Diversi colori
  • 65. Finitura non liscia
  • 66. Spessori aperti tra i 1mm e i 2mm
  • 67. Limiti di dimensioni: 100x100x120mm
  • 68. Possibile fare «architravi» se supportate esternamente
  • 69. Non ha materiale di supportoTecnologie del Fablab Italia
  • 70. ESPORTAZIONE DEI FILES
    3D:
    • Stl Chiuso (non necessariamente a risoluzioni altissime)
    2D:
    • Dxf o Pdf
  • 71. Tutto deve essere convertito in tracciati chiusi non intersecanti (inclusi i testi e le maschere di ritaglio)
  • 72. Per le immagini usare jpgTecnologie del Fablab Italia
  • 73. Grazie a tutti!
    www.fablabitalia.it
    fablabitalia@gmail.com
    Tecnologie del Fablab Italia
  • Comments
    Top